Tasso di conversione: le ore della notte han l’oro in bocca!

Nel corso di un’attività di ottimizzazione di una campagna AdWords, può capitare di dover amministrare un budget limitato facendo girare la campagna solo in determinate ore del giorno. Si pone quindi il problema di giudicare quali sono le ore più interessanti in termini di traffico e soprattutto di conversioni.

E’ importante innanzi tutto avere un occhio sullo storico delle statistiche del sito, dato che ogni sito fa storia a sè, così come la natura di una conversione: un ecommerce che vende gioielli è diverso dal sito di un’agenzia di web marketing in cui l’obiettivo è raccogliere richieste di preventivo.

In secondo luogo, è importante avere dati storici ben nutriti. Quanti più dati sulla conversione abbiamo, meglio è (ci permette di essere accurati nella valutazione statistica).

Fatte queste premesse, è necessario verificare i dati aggregati delle conversioni in relazione alla fascia oraria. Lo abbiamo fatto per due campagne grosse ed abbiamo scoperto che, oltre alle canoniche fascie orarie di maggior navigazione internet (8-20) in cui il volume di traffico medio garantisce comunque un buon volume di vendite, c’è una fascia oraria tutta particolare, in cui il tasso di conversione (ovvero il rapporto tra visite e conversioni) aumenta sensibilmente… ed è quella della notte fonda, in particolar modo attorno alle 2-3 di notte:

Tasso di conversione per fascia oraria

Tasso di conversione per fascia oraria

Volume delle conversioni per fascia oraria (Stesso sito e stesso periodo di riferimento dell'immagine precedente)

Volume delle conversioni per fascia oraria (Stesso sito e stesso periodo di riferimento dell'immagine precedente)

Il volume delle conversioni è verosimilmente inferiore di quello che è possibile ottenere nel resto della giornata (dipende naturalmente anche dal sito, ricordiamolo!), ma è importante considerare che, per una campagna di annunci sponsorizzati pagata a clic come Google Adwords, si tratta di conversioni ben meno costose!

Questo fenomeno è verosimilmente dovuto ad un fisiologico calo di inibizione (per lo stesso motivo le trattative diplomatiche e/o sindacali vanno avanti sempre fino a tarda notte). Se dovete quindi mettere in atto una pianificazione oraria delle vostre campagne, il consiglio è quindi di non trascurare le ore notturne, che è proprio il caso di dirlo, han l’oro in bocca!

2 comments

  1. Marco Cilia
    26 novembre 2009

    posteresti lo stesso grafico con anche la linea degli accessi in arancione? così è decontestualizzato, potrebbe essere vero come no 🙂

    5 conversioni su 100 visite alle 2 di notte = 5%
    500 conversioni su 300mila visite alle 13 = 0,01%

  2. Martino
    26 novembre 2009

    Fatto 🙂 nel caso specifico abbiamo un buon volume di conversioni anche in valore assoluto nella fascia tarda notte (cosa che la rende doppiamente interessante 😉 ). Per dare un’idea, in totale le conversioni calcolate nel grafico sono più di 6000 (direi un valore statistico piuttosto confortante).

    EDIT: il grafico orario su GA non permette di aggregare in un unico grafico conversioni e tasso di conversione, ho dovuto fare due immagini differenti

Leave a Reply

Name*

e-Mail * (will not be published)

Website