Coca Cola: le campagne display danno risultati maggiori rispetto ai social network

Moltissime aziende stanno esplorando il “social media buzz” per coinvolgere gli utenti e generare discussioni su prodotti e servizi. Il problema, secondo Coca Cola, è che nonostante la presenza di un’azienda sui social sia cruciale, le sole attività social non portano ad alcun aumento delle vendite.

Lo riportano AdAge e numerosi blog d’oltreoceano. Si tratta infatti di una rivelazione molto importante, perché fatta da una compagnia multinazionale con quasi 63 milioni di fan su Facebook e 700mila followers su Twitter.

Tuttavia, nonostante si dichiari che il buzz non ha un impatto misurabile sulle vendite a breve termine, soprattutto se paragonato agli altri media digitali, Coca Cola fa notare che lo studio verte solo sul buzz, non su altri elementi come la condivisione o la visione di video. E che si tratta della sua esperienza, quindi non bisogna generalizzare.

L’azienda promuove invece a pieni voti le campagne display, che portano risultati molto elevati, pari a quelli della televisione (spot e product placement). Bene anche le campagne radiofoniche. 

L’esperienza di questo brand ci conferma quello che anche noi abbiamo sempre pensato e sostenuto, ossia che il media social non sia paragonabile agli altri mezzi digitali, soprattutto se usato da solo.

L’ideale, budget permettendo, sarebbe pianificare le proprie campagne su diversi media contemporaneamente. TV, Internet, mobile: più mezzi si utilizzano, più facilmente si raggiungono il proprio target e i risultati desiderati.

 

1 Comment

  1. Pubblicità
    17 aprile 2014

    Davvero un bellissimo articolo per chi come, studia la Storia della pubblicità. Complimenti agli autori.
    MB

Leave a Reply

Name*

e-Mail * (will not be published)

Website