Lead generation tramite gamification

Nella nostra Guida alla lead generation vi abbiamo raccontato diverse modalità per l’acquisizione di anagrafiche qualificate di potenziali clienti: i concorsi a premi, i prodotti in omaggio, i buoni sconto, i test (qui il test MasterMassaia che abbiamo effettuato per l’e-commerce Drugstore.it), le offerte riservate a chi si reca nei punti vendita, le vendite private e limitate nel tempo, le tecniche di lead generation B2B.

Oggi ci soffermiamo sulla tecnica della “gamification”, traducibile in Italiano come “ludicizzazione”, che consiste nell’applicare al marketing le dinamiche e le meccaniche del gioco. L’utilizzo di incentivi come punti, livelli, classifiche, ricompense, distintivi e premi stimola infatti la partecipazione degli utenti, mossi da competizione, voglia di ricompensa e di successo.

La gamification viene quindi utilizzata sempre più spesso non solo per il web-engagement ma anche per la promozione di prodotti e servizi e per la fidelizzazione degli utenti.

Il caso studio di Kirkland’s

Vi riportiamo l’esempio di successo di Kirkland’s Home Decor, una catena di decorazioni d’interni, con circa 300 negozi in 30 stati, che aveva l’obiettivo di creare interazione con il target già cliente e ottenere nuovi acquirenti e fan. A questo scopo, è stato lanciato il gioco “Cha-Ching!”, un concorso a premi e instant win realizzato sul social media Facebook.

Il primo passo dell’azienda è consistito quindi nel creare una community sulla propria pagina Facebook, dove riunire tutto il target, donne già clienti tra i 40 e i 55 anni e donne potenziali clienti tra i 25 e i 35 anni. Kirkland’s ha poi pubblicizzato l’iniziativa sfruttando i Facebook ads, spedendo email agli iscritti e pubblicando sulle bacheche le attività degli utenti anche attraverso notizie sponsorizzate.

lead generation tramite gamificationIl meccanismo del gioco “Cha-Ching!”

Il gioco su Facebook è stato studiato in modo da essere coinvolgente, ripetutamente giocabile e misurabile.

In primo luogo, infatti, per attirare nuovi fan è stato dato un incentivo in denaro: ad ogni nuovo like alla fanpage si aggiungeva un centesimo al montepremi. Alla fine del tempo stabilito, un unico fan ha vinto la cifra in cassa (oltre 25.000 dollari).

Il secondo elemento chiave è stato l’utilizzo di premi giornalieri, con l’obiettivo di far tornare i fan sulla pagina. Per la precisione, cliccando sul negozio virtuale Kirkland, i fan ricevevano un regalo virtuale “random”, che era possibile scambiare con quello dei propri amici. Alla fine della giornata potevano vincere la versione reale del prodotto in loro possesso.

Sapendo che il target ama i coupon, il terzo punto di forza è stato la classificazione degli utenti in base al tempo di gioco: ai giocatori venivano assegnati 4 differenti badge level a seconda di quanto avevano giocato, ciascuno dei quali permetteva di accedere a nuovi coupon, utilizzabili in negozio.

I risultati dell’iniziativa

Durante la promozione Cha-Ching!, quella di Kirkland’s è diventata la sesta fanpage al mondo più in crescita su Facebook. In un mese ha raggiunto, infatti, 203.604 nuovi fan, generato 13 milioni di messaggi in bacheca e quasi 179 milioni di impression sugli annunci. Infine, oltre la metà dei nuovi fan è stata completamente coinvolta dal gioco, rendendosi portavoce del brand.

Conclusioni

La promozione Cha-Ching! si è rivelata vincente sia nell’intrattenere che nel fidelizzare gli utenti, perché ha utilizzato diversi punti di forza: la gamification, ossia oltre al concorso con premio e agli instant win, ha introdotto la classificazione dei giocatori a seconda della quantità di tempo speso nel gioco.

Leave a Reply

Name*

e-Mail * (will not be published)

Website