DEM nel periodo natalizio: tips & tricks

Le email pubblicitarie natalizie iniziano ad arrivare nelle nostre caselle di posta elettronica già a partire da ottobre, per raggiungere il loro picco in questo mese di dicembre.

Le DEM, infatti, continuano ad essere il canale vincente per il web marketing di Natale, ma bisogna tenere presente che proprio in questo periodo dell’anno le aspettative dei destinatari sono molto elevate e per questo bisogna assicurarsi di inviare loro i giusti messaggi.

email marketing nataleSu Internet si trovano numerosi articoli di esperti di marketing su quali siano i “trucchi” per una comunicazione email efficace. Tra questi, la frequenza degli invii DEM, il contenuto, la grafica e i testi, l’ottimizzazione per mobile, ecc. Vediamoli insieme.

Frequenza degli invii

Secondo alcuni esperti, non bisogna aver paura di aumentare la frequenza dei propri invii nel periodo natalizio: anche se gli utenti non aprono né cliccano la propria DEM, infatti, leggono comunque il nome del mittente e l’oggetto e questo garantisce brand awareness.

Inoltre, probabilmente il pubblico accetta una frequenza maggiore di DEM in questo periodo dell’anno e vale la pena di cogliere la palla al balzo per non rischiare che i propri competitor prevalgano.

Altri sostengono, invece, che sia più prudente mantenere la stessa frequenza di invii degli altri periodi dell’anno, purché si effettui una maggior targetizzazione e segmentazione.

Il focus è sempre l’engagement, ma è meglio non coinvolgere gli utenti inattivi e soffermarsi invece sui destinatari che aprono e cliccano le mail ma ancora non convertono, così come sui “clienti stagionali”, ossia coloro che negli anni precedenti hanno acquistato nel periodo natalizio.

In generale, nei mesi invernali le campagne dedicate al Natale sono comunque consigliate perché permettono di comunicare valori, creare contenuti personalizzati da condividere e possibilmente differenziarsi dai competitor per l’efficacia del proprio customer service o di altri servizi come la consegna veloce o il reso gratuito.

Insomma, nella frenesia del Natale non bisogna dimenticare che questo non è il periodo in cui ottenere obbligatoriamente le maggiori vendite, ma piuttosto il giusto pretesto per fare brand engagement e comunicare in modo efficace i propri prodotti e/o servizi.

Il nostro consiglio, quindi, al di là delle diverse opinioni degli esperti di marketing digitale, è quello di testare e imparare dai propri risultati cosa funziona e come migliorare ciò che non funziona.

Contenuto delle DEM: idee creative e grafica

Molte aziende pensano che perché un’email sia efficace nel periodo natalizio basti utilizzare il colore rosso e mostrare Babbo Natale o qualche decorazione a tema. Purtroppo questo non è sufficiente. 🙂

Oltre ad essere piacevole da guardare, una DEM deve riuscire ad evocare emozioni nell’utente con immagini e parole (il Natale in questo senso facilita di molto le cose!) e differenziarsi da quelle dei competitor. Nel tempo, moltissime aziende hanno sperimentato per questo numerose soluzioni ed è necessario che continuino a farlo per garantirsi sempre migliori risultati dai propri invii.

Una differenziazione può essere ottenuta evocando lo stile natalizio in modo graficamente più sobrio e puntando maggiormente sull’efficacia dei testi, oppure utilizzando gif animate, video e così via (a Natale, anche questo è lecito!).

Ciò che maggiormente conta, però, è la strategia creativa che sta alla base della comunicazione. In questo senso, un’idea ampiamente utilizzata è “la campagna dell’Avvento”, che consiste nell’inviare ogni giorno un’offerta o un contenuto ad hoc fino al giorno di Natale. Questo, infatti, permette di aumentare la frequenza degli invii senza stressare gli utenti.

Un’altra chiave del successo è la personalizzazione delle creatività DEM utilizzando la geolocalizzazione: ad esempio, se un utente si trova a Roma, riceverà l’immagine della Fontana di Trevi innevata; se si trova a Pisa, quella della Torre pendente innevata.

In ogni caso, prima di investire troppo tempo sulla grafica bisogna studiare una strategia ed anche analizzare il proprio tasso di apertura.

Se, ad esempio, le DEM di un’azienda sono cliccate solo dal 15% dei destinatari, il lavoro con Photoshop può risultare una perdita di tempo ed è meglio concentrarsi prima sulla strategia e sull’oggetto per coinvolgere il rimanente 85% ed aumentare il tasso di apertura.

Oggetti delle DEM

Un buon copywriting può fare la differenza nell’apertura delle email, soprattutto a Natale. Anche in questo periodo, oggetti che funzionano sono ad esempio quelli che creano un senso di urgenza nel destinatario, come “Ultimi giorni per ricevere il tuo ordine prima di Natale!”.

(Apriamo questa parentesi per ricordare che naturalmente l’utente dovrà trovare un testo chiaro e conciso anche dopo l’apertura della DEM ed essere condotto a una landing page natalizia dedicata).

Verticalresponse.com ha stilato la classifica delle 20 parole più efficaci da utilizzare negli oggetti delle DEM natalizie. Vi invitiamo a visionare l’infografica, realizzata dopo l’analisi di 10.000 campagne email inviate l’anno scorso in questo stesso periodo, e a approfittare dei suggerimenti.

Ottimizzazione DEM su dispositivi mobile

Molte aziende registrano un aumento del tasso di apertura delle DEM da dispositivi mobili come smartphone o tablet. Per questo, l’ottimizzazione delle email per mobile è sempre più decisiva, in particolare nel periodo natalizio. I contenuti del proprio messaggio devono essere visti immediatamente al momento dell’apertura.

Leave a Reply

Name*

e-Mail * (will not be published)

Website