5 spunti per migliorare la relazione tra clienti e agenzie digital

the-vortexL’autore di questo post è Andrea Boscaro, fondatore di The Vortex e formatore legato a temi come e-business, social media ed editoria digitale.

Dalla sua esperienza sono nati i volumi “Marketing digitale per l’e-commerce. Tecniche e strategie per vendere online“, “Tecniche di web-marketing“, “Portare clienti nel nostro negozio con Internet“, “Fare politica digitale” e “Effetto Digitale“, editi da Franco Angeli.

Abbiamo chiesto ad Andrea di inviduare 5 spunti per migliorare la relazione tra agenzia digital e cliente. Ecco il suo prezioso contributo.

La parola ad Andrea Boscaro, The Vortex

Internet è cambiato e con esso sono cambiati i ruoli dai quali nel tempo aziende ed agenzie digital hanno collaborato: assistiamo progressivamente a processi di internalizzazione delle competenze e delle mansioni – pensiamo ai social media – e, di converso, le agenzie richiedono sempre più un linguaggio comune per lavorare al meglio con i loro clienti.

Questo terreno di collaborazione è stato spesso irto di difficoltà a causa del gergo che spesso, da parte delle figure digital, è stato criptico, ma anche a causa dei labili confini che, agli occhi dei clienti, hanno contraddistinto le diverse aree del mondo della Rete.

andrea boscaro

Andrea Boscaro

Chiacchierando con Paolo Guaitani, oggi Partner di The Vortex ma nel passato direttore creativo di un’agenzia, abbiamo immaginato cinque aree di confronto fra agenzie e clienti e, per certi aspetti, cinque aree di aspettativa, cinque “C” che un’azienda ha nei confronti della sua agenzia: speriamo sia un contributo per rendere, nei tempi che cambiano, più fruttuosa una relazione fra due parti imprescindibili di un’avventura online di successo.

Condivisione

Nasce dall’avere obiettivi comuni, dalla capacità di comprensione reciproca, dalla conoscenza del cliente, della sua storia, del mercato. Tale condivisione può derivare solo dal rispetto del brief, un documento spesso approssimativo e che è invece fondamentale compilare accuratamente sia in sede di gara, sia successivamente nel recepimento dei feedback e alla luce dei cambiamenti apportati.

Creatività

Un’agenzia non può permettersi di non essere al passo con il mercato per molte ragioni di carattere competitivo, ma anche perché le aziende si aspettano, sul piano strategico, esecutivo e creativo, soluzioni a cui non avrebbero potuto pensare da sole: facile a dirsi, più difficile mantenere un costante aggiornamento professionale. Per fortuna le informazioni su Internet e nella business community abbondano.

Concretezza

Il mondo digital ha peccato per anni di una propria lingua franca: oggi non ce lo possiamo più permettere… anzi, più parliamo la lingua dell’azienda e dei suoi obiettivi concreti più è facile evitare fraintendimenti e lavorare al meglio insieme.

Consulenza

Il cliente non vuole un fornitore, ma vuole un partner che lo aiuti e lo segua nelle scelte strategiche soprattutto in una logica di innovazione rispetto ad un mondo che cambia.

Conoscenza

Il cliente si aspetta che l’agenzia conosca le dinamiche del suo mercato, le nuove soluzioni tecnologiche, le novità di un mondo digitale in continua evoluzione. Più l’agenzia sarà un partner vero nei processi di change management, più verrà ritenuta meritevole di fiducia.

Vi è un ultimo punto che riguarda la necessità da parte di un’agenzia di praticare in prima persona il «cambiamento» che la renderà quindi più credibile: ecco perché sono sempre più importanti i profili social delle agenzie e il suo standing nel dibattito pubblico della industry digitale.”

Andrea Boscaro

Leave a Reply

Name*

e-Mail * (will not be published)

Website